Wednesday, March 20, 2013

Tuesday, March 12, 2013

Non sputare per aria, che ti torna in un occhio



tu sei slava?
purtroppo no
meglio cosi almeno sò che sei un essere umano
anche gli slavi hanno un cuore
si.. da eliminare
anche il mio è là
serbi, macedoni, croati e company sono la feccia dell'europa, criminali dalla nascita la loro morte è vita per la terra
lo dico anche io.. ma dell’america e dell’europa !
se vuoi continuare ad essere mia amica devi sapere una cosa: io odio gli slavi
io invece li adoro
ma cosa ne sai tu della guerra in jugoslavia, hai visto forse i tg?
l'ho vissuta.. ero radiomatrice
ma non l’hai combattuta
nn ho ammazzato nessuno .. pero' ho vissuto il dolore di chi stava sotto alle bombe
          stasera hai messo a dura prova la mia straordinaria intelligenza, ho bisogno di 
          riflettere sulle tue parole               


Sunday, March 10, 2013

Guido Franzinetti



Dopo il successo della "Bussola" sui Balcani uscita nel 2001, Guido Franzinetti aggiorna e approfondisce la sua ricostruzione della storia di questa travagliata regione dell'Est europeo con un excursus che, partendo dalla fine dell'Ottocento, arriva fino ai giorni nostri.

Alla fine del XIX secolo i Balcani erano visti come luogo di instabilità politica e di feroci conflitti tra le diverse etnie. Dopo la Prima guerra mondiale, con l'espressione "balcanizzazione" si finì per intendere la riduzione di uno stato ad un disordine politico perpetuo. A tutt'oggi, i Balcani continuano a essere considerati una terra di nessuno tra l'Occidente e l'Oriente, oppressi dal fardello di un passato pesante, e come focolaio degli odi ancestrali dei diversi gruppi etnici. Il libro intende rivolgersi soprattutto a chi non si accontenta di una prospettiva schiacciata sul presente e sull "immagine", ma vuole comprendere i problemi di una regione che sta faticosamente emergendo dalla marginalità storica.

I Balkani 1878 - 2001


Thursday, March 7, 2013

Aleksandar a Radio Gamma 5


Davvero fantastico Sasa in radio !
Devo fare una premessa. Non condivido la linea politica della radio e tanto meno le ideologie del giornalista che ha intervistato Sasa. Come radio libera non dà l'impressione di libertà, ma a noi interessa cosa ha detto Sasa e lui è stato magnifico !
Ho preso un po' di appunti e mi scuso se non ho capito bene alcuni passaggi.
Sono stati toccati tutti gli argomenti più caldi.
Cominciamo da Milosevic, anti europeista, precursore dei tempi, conoscitore delle politiche europee e americane e di tutte le potenzialità delle lobbyes.
Sasa ha citato la "Guerra infinita" di Iacona come buon documentario sulla crisi balkanica.
Si è parlato dell'inflazione catastrofica del '93 e dell'attacco da parte della religione cattolica alla religione ortodossa.
Con grande approvazione nostra, Sasa, ha detto a chiare lettere che l'Aja condanna solo serbi e libera criminali albanesi pericolosissimi
Per fortuna della Serbia, la Russia tutela i fratelli slavi e offre rapporti commerciali.
Non sono stata molto d'accordo sulla questione Inghilterra che avrebbe forti interessi economici nei Balkani.
Per quanto riguarda Ivan e la partita sospesa, esattamente come avevamo già pensato, è facile che la regia sia completamente italiana e ne abbiamo parlato qui
In conclusione possiamo dire che Sasa è stato davvero bravo.. e speriamo che venga invitato ancora !

Monday, March 4, 2013

Emir Kusturica e Monica Bellucci


Sembra che il fascino balkanico abbia colpito ancora !

Emir Kusturica e Monica Bellucci in visita a Banja Luka: "Dodik è affascinante".

Emir e Monica zajedno

TRASLOCO

  In foto la statua di Ivan Mestrovic, lo scultore croato che ama lavorare per la Serbia Ci siamo trasferiti in 4 altri siti Uno si chiama  ...