Friday, November 26, 2010

Balkan crew in Zurich !


Fantastico, strabiliante, incredibile, bellissimissimo, stupendo, divino e più e più ancora.. il soggiorno a Zurigo a casa di Nemanja e Francy. Sono stata come meglio non si poteva, come se fossi a casa mia, ma già lo sapevo che sarebbe stato un bellissimo momento.
Quella famiglia ha un qualcosa di magico e credo sia anche dovuto all'intreccio di diverse culture, anche se in realtà, è proprio la cultura serba che predomina e questo non è male !


Francy e Nemanja sono ottimi cuochi e non sapevano più che fare per farmi contenta. Mi hanno preparato la gibanica, la musaka e le palacinke.
Li ho trovati stanchissimi, perchè la piccola Mirjana fa la pappa ogni 4 ore e il tempo per riposare è proprio poco, ma è una stanchezza che si sopporta con facilità per la gioia di questa bellissima nascita.


Rientrare in Svizzera con il ricordo dei 7 mesi passati a Basilea non è stato facile. Alle volte parliamo della povertà della Serbia o di quella di Napoli, ma il popolo svizzero, che in realtà non è nemmeno un popolo è parecchio povero dal punto di vista umano. Io, per fortuna, ho avuto ben pochi contatti con gli svizzeri, anzi, un po' mi hanno scioccato i vicini di casa, ma la cosa più bella è stata vedere i colleghi di corso di Nemanja.
Quando Nemanja è arrivato in Svizzera ha fatto due corsi di tedesco di tre mesi l'uno. Al corso c'erano solo stranieri e così si solidalizza e i migliori amici di Nemanja erano quelli che alle volte si pensa nemici e invece....


Parlare con Francy è bellissimo. Dopo numerose liti con i parenti, finalmente una persona che risponde così : " Guarda Lina, io faccio in questo modo... "
Fantastico ! Ingaggio Francy come consulente familiare !!!
E infine i regali !!! Non ho parole ! Cioccolata, rakija, sciroppo d'acero, ajvar, the e caffè serbo, ratluk... !!! Mi sembrava di tornare in italia con un piccolo tesoro !
Grazie fantastica famiglia, mi avete regalato davvero delle giornate stupende !

Tuesday, November 23, 2010

Pinca triestina di Pasqua


Ma cosa siamo noi ? Il num uno nell'universo !
Dalla fantastica Rita alla meravigliosa Niky di "Osservatorio balcani"

Pinca triestina di Pasqua
1 kg di farina
6 uova e 2 albumi
350 g di zucchero
250 g di burro
...100 g di lievito di birra
1/2 litro di latte
Rhum
vaniglia

Impastare il lievito con un po' di latte tiepido e di farina, lavorare con un cucchiaio di legno finché la pastella sia della giusta consistenza e lasciare lievitare in un luogo tiepido.
Nel frattempo, preparare sulla tavola gli altri ingredienti, farina, uova, un pizzico di sale stemperato in acqua appena calda, lo zucchero ammorbidito in un po' di latte tiepido, ed il burro sciolto.
Mescolare con un po' di vaniglia ed un bicchierino di Rhum. Quando il panetto di lievito sarà cresciuto abbastanza, unirlo al resto, e mano a mano che si lavora la pasta, aggiungere se serve, del latte.
Quando la pasta è pronta, farla lievitare nuovamente, e poi passare al forno caldo.

Monday, November 22, 2010

A nuoto nel Rio delle Amazzoni


Questo post ci è molto caro per due motivi. Prima di tutto perchè ci è stato segnalato dal nostro caro amico Piotr e poi perchè questo ragazzo meraviglioso ha avuto un pensiero per il terremoto di Kraljevo, che ormai passerà alla storia come il terremoto fantasma, poichè nessuno ne parla.
Sta di fatto che Darko Novovic' ha attraversato a nuoto il Rio delle Amazzoni ed è in odore di guinness dei primati
Grande Darko !

Darko Novovic'

Saturday, November 20, 2010

Špageti sa mini paradajzom, bosiljkom i limunom


Carissimi,
quasi non ci credo ! Dopo molti sabati, finalmente riusciamo a fare un post di cucina !
Non è del tutto facile fare questo post per me... perchè il mio cuore è rimasto a Napoli, la mia mente è rimasta a Napoli e solo il mio vecchio e scassato fisico è tornato a Torino ! Per dirla breve, i miei amici di Napoli mi avrebbero tenuta là se ero giovane e carina, ma io giovane lo sono stata e carina.. bò.. non mi sembra !
Per cui ora sono qui con tanta nostalgia a parlare di cucina, ricordando gli spaghetti al pomodoro fresco che ho preparato a casa del mio amico Roberto. Anzi, per meglio dire, che ho aiutato a preparare !
Ma come al solito i Balkani ci vengono in aiuto e così ho aperto il blog della cara Drgana per scegliervi una ricetta e che vi trovo ? Gli spaghetti al pomodoro fresco !!!
Chiediamo scusa a Ardi e a Niky di Osservatorio balcani, perchè non siamo ancora riusciti a soddisfare le loro richieste di ricette, ma ce la faremo.. promesso !

Potreban materijal:

500g mini paradajza
1 sveža vezica bosiljka
1 limun
320g špageta
1 čen belog luka
so, mleveni biber
6 kašika maslinovog ulja
rendani parmezan za posluživanje

Priprema:

Paradajz oprati. Listove bosiljka iskidati sa stabljike i oprati. Ako su listovi veliki mogu se iscepkati. Limun oprati i narendati koru. Špagete skuvati uobičajeno a u međuvremenu dok se kuvaju u tiganju zagrejati maslinovo ulje i dodati izgnječen čen belog luka, zatim paradajz, so i biber, pa na jakoj vatri pržiti dva minuta. Ocediti špagete i odmah ih dodati u tiganj sa paradajzom, dobro promešati, začiniti bosiljkom i koricom limuna, pa poslužiti uz parmezan.

Spaghetti al pomodoro fresco di Gaga

Saturday, November 6, 2010

Emergenza terremoto a Kraljevo. Serbia

Perdonate se anche oggi la nostra scaletta è sconvolta, ma in Serbia c'è stato un violentissimo terremoto, tipo quello che è capitato all' Aquila e nessun massmedia se ne è interessato !!!


Il 3 novembre un fortissimo terremoto ha colpito la città serba di Kraljevo, dove Un ponte per… lavora da 10 anni a sostegno delle vittime dalla guerra Nato del 1999 e dei profughi del Kosovo attraverso il programma Svetlost.

Le prime testimonianze parlano di enormi danni a case e strutture pubbliche essenziali. L’ospedale pubblico ha subito numerosi crolli ed è rimasto senza luce né acqua e con una sola sala operatoria agibile.


Per rimanere vicini alle famiglie sostenute, alle loro immediate esigenze, per aiutarli a ricostruire le loro case Un ponte per… lancia una raccolta fondi straordinaria ed, insieme alle organizzazioni locali di Kraljevo, identificherà le situazioni di maggiore vulnerabilità.

L’urgenza per molte di queste famiglie è quella di rientrare subito nelle proprie case, spesso costruite senza alcun criterio di sicurezza a causa della precarietà di un vivere quotidiano che dura da anni.

Un ponte per... si impegna a raccogliere fondi per sostenere le famiglie colpite dal sisma nella ricostruzione delle loro case e nell’acquisto di tutti i beni di prima necessità urgenti: legna per le stufe, acqua potabile in bottiglia, materiale scolastico per i figli, medicinali.


L’inverno incombe e l’idea che possano passarlo in situazioni estreme non è sostenibile. Aiutiamo le famiglie di Kraljevo ad affrontare questa ennesima emergenza.

TRASLOCO

  In foto la statua di Ivan Mestrovic, lo scultore croato che ama lavorare per la Serbia Ci siamo trasferiti in 4 altri siti Uno si chiama  ...